Nuova scuola media di Berlingo

Massimiliano Dell’Olivo, Daniele Ganz

Vista prospettica della scuola

Il progetto della nuova scuola media di Berlingo nasce attraverso il dialogo con il territorio nel quale vuole inserirsi, e da esso trae la propria morfologia. Il sito assegnato, caratterizzato dal precedente utilizzo come cava, posto a nord dell’abitato e circondato da campi coltivati; offre alcuni naturali spunti, che si sono voluti cogliere e trasfigurare nell’oggetto architettonico. Le visuali: il sito affaccia a sud sul polo scolastico e attraverso di esso vive il rapporto con il paese, segnato ancor maggiormente dalla vista del campanile; a nord quando il cielo è terso la vista spazia sulle montagne; ai lati i campi coltivati, i filari d’alberi e la morfologia pianeggiante del territorio chiudono il quadro. L’edificio si caratterizza per la sua volumetria scultorea, massiccia come un blocco di pietra, ma come quest’ultimo scavata e modellata a tal punto da rendere la scuola permeabile al territorio che la circonda e che in questo modo entra a farne parte. Come un lembo di suolo sollevato da un movimento tellurico la copertura verde ricopre il volume che si rivela attraverso le facciate, veri e propri fronti urbani verso il paese, trasfigurate in chiave organica verso la campagna coltivata. Il percorso che snodandosi attraverso la piazza Salvo D’Acquisto collega il paese con la scuola media è stato studiato in modo da configurarsi come una “cava a cielo aperto” nel suo sfociare dopo il sottopassaggio, nel cortile della scuola. Gli studenti risalgono la rampa d’accesso in questo scavo, che è memoria del tempo passato, attraversano la corte pavimentata per essere quindi accolti dall’abbraccio del grande porticato d’ingresso. L’area esterna è stata organizzata in modo da consentire un accesso controllato e sicuro all’edificio, sia per quanto riguarda l’accesso ciclo-pedonale che carrabile. Nell’angolo sud-ovest del lotto è stata ricavata la piazzola per la sosta dello scuolabus, nell’angolo sud-est l’accesso carrabile ai parcheggi e al magazzino comunale, In posizione baricentrica tra questi due poli troviamo gli accessi ciclo-pedonali sia a quota strada che a livello del sottopassaggio. Un ampio cortile accoglie gli studenti a sud dell’area ed è vero e proprio trait d’union per i vari accessi. L’area ad est dell’edificio è riservata alla sosta delle automobili e delle biciclette, nonché alle operazioni di carico e scarico di materiali, mentre ad ovest lo spazio per la didattica delle aule si prolunga all’esterno nel giardino, appropriandosene porzioni distinte tra loro. L’area a disposizione viene mantenuta per buona parte al verde e le alberature presenti vengono salvate ed implementate con nuove piantumazioni. L’attacco a terra è quindi caratterizzato da una configurazione frastagliata atta ad accogliere la natura all’interno dell’edificio, garantendo un limitato impatto ambientale dello stesso.

101112_SMB_TAV-01

Tavola 1

 

101112_SMB_TAV-02

Tavola2

 

101112_SMB_TAV-03

Tavola3

 

101112_SMB_REND-03

Vista a volo d’uccello

 

101112_SMB_REND-02

Vista interna

 

101112_SMB_SPAC-01

Spaccato prospettico

 

101112_SMB_SOST-01

Schema sostenibilità ambientale



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *